Il telescopio Webb ha aperto completamente lo specchio completando il dispiegamento della struttura


Il team del James Webb Space Telescope della NASA ha completamente dispiegato il suo specchio primario da 6,4 metri rivestito d’oro, completando con successo la fase finale di tutti i principali dispiegamenti del veicolo spaziale per preparare le operazioni scientifiche.


Uno sforzo congiunto con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l’Agenzia Spaziale Canadese, la missione Webb esplorerà ogni fase della storia cosmica – dall’interno del nostro sistema solare alle galassie osservabili più lontane nell’universo primordiale.

Oggi, la NASA ha raggiunto un’altra pietra miliare ingegneristica che ha richiesto decenni di lavoro. Anche se il viaggio non è completo, mi unisco al team Webb nel respirare un po’ più facilmente e nell’immaginare le future scoperte destinate a ispirare il mondo“, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Il telescopio spaziale James Webb è una missione senza precedenti che è sul punto di vedere la luce delle prime galassie e scoprire i misteri del nostro universo. Ogni impresa già compiuta e ogni risultato futuro è un testamento alle migliaia di innovatori che hanno riversato la passione della loro vita in questa missione“.

Le due ali dello specchio primario di Webb sono state piegate per adattarsi all’interno del cono anteriore di un razzo Ariane 5 di Arianespace prima del lancio. Dopo più di una settimana di altri dispiegamenti critici del veicolo spaziale, il team di Webb ha iniziato a dispiegare a distanza i segmenti esagonali dello specchio primario, il più grande mai lanciato nello spazio. Questo è stato un processo di più giorni, con il primo lato dispiegato il 7 gennaio e il secondo l’8 gennaio.

Il controllo a terra del Mission Operations Center presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora ha iniziato a dispiegare il secondo pannello laterale dello specchio alle 8:53 a.m. EST. Una volta esteso e agganciato in posizione alle 1:17 p.m. EST, il team ha dichiarato che tutti i principali dispiegamenti sono stati completati con successo.

Il più grande e complesso telescopio spaziale del mondo inizierà ora a spostare i suoi 18 segmenti di specchio primario per allineare le ottiche del telescopio. Il team di terra comanderà 126 attuatori sul retro dei segmenti per flettere ogni specchio – un allineamento che richiederà mesi per essere completato. Poi il team calibrerà gli strumenti scientifici prima di consegnare le prime immagini di Webb questa estate.

Sono molto orgoglioso del team – che attraversa i continenti e i decenni – che ha portato a questo risultato unico nel suo genere“, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato per il Science Mission Directorate nel quartier generale della NASA a Washington. “Il successo del dispiegamento di Webb esemplifica il meglio di ciò che la NASA ha da offrire: la volontà di tentare cose audaci e stimolanti in nome di scoperte ancora sconosciute“.

Presto, Webb sarà anche sottoposto a una terza correzione di metà percorso – una delle tre previste per posizionare il telescopio esattamente in orbita intorno al secondo punto di Lagrange, comunemente noto come L2, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Questa è la posizione orbitale finale di Webb, dove il suo schermo solare lo proteggerà dalla luce del Sole, della Terra e della Luna che potrebbero interferire con le osservazioni della luce infrarossa. Webb è progettato per scrutare indietro di oltre 13,5 miliardi di anni per catturare la luce infrarossa dagli oggetti celesti, con una risoluzione molto più alta che mai, e per studiare il nostro sistema solare così come mondi lontani.

Il completamento con successo di tutti i dispiegamenti del telescopio spaziale Webb è storico“, ha detto Gregory L. Robinson, direttore del programma Webb al quartier generale della NASA. “Questa è la prima volta che una missione guidata dalla NASA ha tentato di completare una sequenza complessa per dispiegare un osservatorio nello spazio – un’impresa notevole per il nostro team, la NASA e il mondo“.

Fonte