Questa simulazione mostra che Marte potrebbe essere stato freddo e umido tre miliardi di anni fa


Una vista artistica delle Kasei Valles – Marte con il flusso di ritorno dei ghiacciai dall’alta quota all’oceano settentrionale.

Un team di ricercatori di diverse istituzioni in Francia, Stati Uniti e Svezia ha utilizzato modelli di possibili condizioni su Marte per dimostrare che il pianeta rosso potrebbe aver ospitato un oceano settentrionale 3 miliardi di anni fa e che il clima era probabilmente umido e freddo. Nel loro documento pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, il gruppo descrive le teorie per spiegare le condizioni sulla superficie di Marte oggi, e un modello che ha simulato un pianeta umido e freddo.

Gli scienziati che studiano Marte sono rimasti sconcertati dalle caratteristiche della superficie del pianeta – esistono prove contraddittorie per un oceano, per esempio, nonostante le ampie prove di fiumi, laghi e ruscelli. Eppure, altri scienziati hanno anche trovato prove di tsunami, il che suggerisce fortemente la presenza di un oceano.

I ricercatori in questo nuovo sforzo suggeriscono che parte del problema nella comprensione della storia climatica di Marte risiede nel pensare che per l’esistenza di un oceano, il pianeta doveva essere stato caldo e umido, o in altri scenari, assumendo che se non c’era un oceano, il pianeta era probabilmente freddo e secco.

Essi suggeriscono una terza opzione: un pianeta freddo e umido.

Suggeriscono che era possibile per un oceano esistere nonostante le temperature fredde se c’era abbastanza idrogeno nell’atmosfera. Notano che se solo il 10% dell’atmosfera fosse stato idrogeno (dai vulcani, forse, o dagli impatti cosmici) e il resto fosse stata anidride carbonica, sarebbe stato sufficiente a creare un piccolo effetto serra. In questo scenario, essi notano che l’oceano potrebbe essere stato vicino al punto di congelamento, ma poteva ancora esistere se la circolazione avesse portato calore e se ci fosse stata una certa quantità di pioggia.

Suggeriscono inoltre che un tale oceano sarebbe probabilmente esistito nella parte settentrionale del pianeta a causa del massiccio bacino pianeggiante lì presente. In questo caso, suggeriscono che ampie porzioni della parte meridionale del pianeta sarebbero state coperte di ghiaccio, con ghiacciai che tagliavano porzioni di terra che portavano all’oceano. Inserendo queste informazioni nei loro modelli, hanno scoperto che il loro scenario potrebbe spiegare come poteva essere Marte circa 3 miliardi di anni fa.

Fonte