San Pedró, Belize


20 agosto 2020.

San Pedró, Belize, costituisce il centro di questa fotografia scattata da un astronauta della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Ambergris Cay, insieme al sistema di barriera corallina che la circonda, separa il blu profondo e più scuro del Mar dei Caraibi dalle acque più basse e multicolori della baia di Chetumal. La variazione della colorazione dell’acqua è dovuta ai cambiamenti nella profondità dell’acqua e alla miscela di sabbia e corallo che compongono il sistema della barriera corallina.

Ambergris Cay è l’isola più grande del Belize ed è circondata dalle aree protette del Belize Barrier Reef Reserve System. Il cay e la riserva ospitano molte specie di mangrovie e altre abbondanti specie di flora e fauna tropicali.

La città di San Pedró si trova spesso sul sentiero degli uragani e di altri sistemi meteorologici tropicali estremi, ma le foreste di mangrovie forniscono una forte ed efficiente difesa naturale contro i venti e le onde. Lo sviluppo del territorio sul cay è aumentato negli ultimi dieci anni per servire i visitatori delle spiagge del Belize.

Il sistema di barriera corallina del Belize è il secondo più lungo del mondo e il più lungo dell’emisfero settentrionale. Forma una stretta demarcazione tra il molo e il mare più profondo, e le rotture naturali – chiamate quebradas (spagnolo per “rotto” o “ravine”) – forniscono interfacce di miscelazione tra gli ecosistemi delle acque poco profonde e quelle profonde. Il sistema di barriera corallina, incluso il vicino Great Blue Hole, ha reso l’area popolare tra i subacquei armati di telecamere.

La fotografia dell’astronauta ISS063-E-76408 è stata acquisita il 20 agosto 2020, con una fotocamera digitale Nikon D5 che utilizza una lunghezza focale di 800 millimetri.

Fonte

Un pensiero su “San Pedró, Belize

I commenti sono chiusi.