Un paesaggio di nubi multicolori nella Nebulosa di Orione


Questo paesaggio celeste, ripreso dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, cattura la regione colorata che circonda l’oggetto Herbig-Haro HH 505. Gli oggetti di Herbig-Haro sono regioni luminose che circondano le stelle neonate e si formano quando i venti stellari o i getti di gas che fuoriescono da queste giovani stelle formano onde d’urto che si scontrano con il gas e la polvere vicini ad alta velocità.

Nel caso di HH 505, questi flussi provengono dalla stella IX Ori, che si trova ai margini della Nebulosa di Orione a circa 1000 anni luce dalla Terra. I deflussi stessi sono visibili come strutture graziosamente curve nella parte superiore e inferiore di questa immagine, e sono distorti in curve sinuose dalla loro interazione con il flusso su larga scala di gas e polvere dal nucleo della Nebulosa di Orione.

Questa osservazione è stata effettuata con l’Advanced Camera for Surveys (ACS) di Hubble da astronomi che studiano le proprietà dei flussi e dei dischi protoplanetari. La Nebulosa di Orione è inondata da un’intensa radiazione ultravioletta proveniente da giovani stelle luminose. Le onde d’urto formate dai deflussi sono visibili a Hubble, ma anche le correnti di materiale stellare in movimento più lento sono evidenziate da questa radiazione. Ciò consente agli astronomi di osservare direttamente i getti e i deflussi e di conoscere meglio le loro strutture.

La Nebulosa di Orione è una regione dinamica di polvere e gas in cui si stanno formando migliaia di stelle ed è la regione di formazione stellare massiccia più vicina alla Terra. Di conseguenza, è una delle aree più osservate del cielo notturno ed è stata spesso un obiettivo di Hubble. Questa osservazione faceva anche parte di un affascinante mosaico Hubble della Nebulosa di Orione, che ha combinato 520 immagini ACS in cinque colori diversi per creare la visione più nitida mai realizzata della regione.

Fonte